La preghiera non viene presentata a DIO per fagli conoscere qualcosa che Egli non sa, ma per spingere verso Dio l’anima di chi prega.

Standard

Il Signor Nessuno – don Franco Locci

Una delle cose che maggiormente mi mettono a disagio sono le sale mortuarie degli ospedali con tutti quei bei frigoriferi dove si possono conservare i morti per lungo tempo.

Qualche anno fa era morto un settantenne: un incidente, probabilmente stava camminando lungo una strada e qualche automobilista lo aveva investito, poi preso dalla paura, visto che nessuno lo aveva notato, aveva tirato dritto. 
Non aveva documenti in tasca. 

Per un po’ di giorni si aspettò un parente, un vicino di casa che venisse a riconoscerlo: nessuno. 

Lo misero in un frigorifero speciale che gli operatori dell’obitorio chiamano il “frigo dei trovati” o anche “in attesa dei parenti”. 

La polizia, nelle sue ricerche venne anche nella parrocchia e mi chiese di andare a vedere quel corpo, nel caso lo avessi riconosciuto. 

Nessuno lo riconobbe. Passato un certo periodo il magistrato diede il permesso di sepoltura. Quattro necrofori, una bara, un furgone e come oggetto smarrito, quell’uomo, viene portato al cimitero.

Anche Lui era unico, irripetibile, ma gli uomini della sua città lo avevano già sepolto prima e forse lui stesso si era già sepolto prima.

Quanta gente vive da morta, ammazzata dalla noia quotidiana, dalla ripetitività dei giorni della vita. 

Gente stanca di vivere: eppure in casa non manca nulla, il frigorifero è pieno, ci sarebbe anche la possibilità di divertirsi…

Eppure non c’è più il gusto dell’avventura, ci si rintana in casa per paura, per non voglia di comunicare e quei muri diventano spessi, freddi… 

E poi si ricorre al medico, allo psicologo, allo psichiatra….

– don Franco Locci –



Ci si illude di avere sempre tanto tempo davanti a noi e la nostra vita è sempre un rimandare, ma la vita non aspetta e se davvero vogliamo viverla allora non dobbiamo subirla passivamente ma viverla ….

ogni attimo che ci viene concesso…

Perchè quell’attimo non tornerà più e a noi rimarrà solo il rimorso di non averlo colto.

(Anna Curridori)


Il presente uguale per tutti


Anche se tu dovessi vivere tremila anni e dieci volte altrettanto, in ogni caso ricorda che nessuno perde altra vita se non questa che sta vivendo, né vive altra vita se non questa che va perdendo. 

Pertanto la durata più lunga e la più breve coincidono. 

Infatti il presente è uguale per tutti e quindi ciò che si consuma è uguale e la perdita risulta, così, insignificante.

– Marco Aurelio – 

Prendi per guanciale la morte quando vai a dormire e tienila sempre davanti agli occhi quando sei sveglio. 

(Detto musulmano)



Buona giornata a tutti. 🙂 leggoerifletto

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s