Non siamo una generazione muta

Standard

Berlicche

Non siamo una generazione muta. Non siamo un popolo sconfitto. Non stiamo in silenzio mentre altri decidono di noi. Potevamo sembrarlo. Pareva che ci si potesse dire qualsiasi cosa, fare qualsiasi cosa, e noi ce ne saremmo stati in silenzio.
Pareva che fossimo senza capi, e si sa che senza capo si può fare assai poco. E’ sempre l’intellettuale, il superiore, colui che ha capito tutto che decide le cose. Che decide per i muti. Ma non siamo muti.
Sembrava che qualcosa che non passasse ai tiggì non avesse diritto di esistere. Che non esistesse. Che non sia esistita. Un milione di persone, due giorni dopo, sono già sparite, sostituite nei programmi e nei giornali da venti poveretti in una piazza vuota. Ma quelle persone sapevano di esserci. Non puoi dire ad una persona che non c’è. Lei la sa la verità, e anche tu.
Sembrava che non potesse accadere…

View original post 59 more words

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s