Vizi capitali (3) Lussuria.

Standard

Vizi capitali (3) Lussuria.

Dall’adultera a Dante, sguardo sulla lussuria.

Impossibile da sottovalutare, la lussuria è anche il più sopravvalutato tra i vizi capitali. Si pensa al peccato ed è lì che si va a parare, in quell’abbraccio impuro, come se il de sexto racchiudesse in sé tutti i comandamenti e tutte le trasgressioni. Un’insistenza tanto maniacale, in effetti, fa comodo a molti. A chi da fantasie e pratiche sessuali sempre più sfrenate trae guadagni ragguardevoli (la gamma è inesauribile, va dal sadomaso consolatorio delle Cinquanta sfumature fino ai supermarket del porno attivissimi nei bassifondi del web), ma anche a chi di certi argomenti preferisce non parlare, alternando nel caso eufemismi scandalizzati e generici moralismi.

Il punto, però, è che il discorso sul corpo non ammette silenzi e laddove si genera un vuoto – di significato, oltre che di esperienza – è fatale che quel vuoto venga colmato con il primo materiale a disposizione, non importa quanto scadente.

In quanto vizio, la lussuria resta condannabile: su questo non si discute. Sarebbe però più onesto smettere di imputare alla lussuria stessa ogni desiderio, ogni trasporto della sessualità. La quale, sino a prova contraria, appartiene alla struttura più intima e autentica dell’essere umano.

Non si capirebbe, altrimenti, perché Dante cada «come corpo morto cade» a sentire il racconto della sventurata passione di Paolo e Francesca. Né si apprezzerebbe l’atteggiamento che Gesù stesso tiene nei confronti di chi «ha molto amato». Il giudizio sull’adultera è più clemente di quello riservato ai persecutori della donna, la generosità della peccatrice tradizionalmente identificata nella Maddalena attira più benevolenza della parsimonia di Simone il fariseo. La lussuria può distruggere, è vero. Ma prima che la sua fiamma si consumi resta sempre qualcosa da salvare e, forse, da ammirare.

Alessandro Zaccuri, Avvenire 27 luglio 2015

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s