Come il volto di un angelo

Standard

26 Dicembre. Santo Stefano protomartire

αποφθεγμα Apoftegma

La carità che fece scendere Cristo dal cielo sulla terra,

innalzò Stefano dalla terra al cielo.

La carità che fu prima nel Re, rifulse poi nel soldato.

Stefano quindi per meritare la corona che il suo nome significa,

aveva per armi la carità e con essa vinceva dovunque.

Per mezzo della carità non cedette ai Giudei

che infierivano contro di lui;

per la carità verso il prossimo pregò per quanti lo lapidavano.

Con la carità confutava gli erranti perché si ravvedessero;

con la carità pregava per i lapidatori perché non fossero puniti.

Sostenuto dalla forza della carità vinse Saulo che infieriva crudelmente,

meritò di avere compagno in cielo 

colui che ebbe in terra persecutore.

San Fulgenzio di Ruspe

 
L’ANNUNCIO

Dal Vangelo secondo Matteo 10,17-22


Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai loro tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete condotti davanti ai governatori e ai re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani. E quando vi consegneranno nelle loro mani, non preoccupatevi di come o di che cosa dovrete dire, perché vi sarà suggerito in quel momento ciò che dovrete dire: non siete infatti voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi.  Il fratello darà a morte il fratello e il padre il figlio, e i figli insorgeranno contro i genitori e li faranno morire. E sarete odiati da tutti a causa del mio nome; ma chi persevererà sino alla fine sarà salvato.

Come il volto di un angelo
Oggi, il primo giorno di vita del Signore, ci consegna il primo frutto della sua venuta nella carne: Stefano, deposto con Cristo nella mangiatoia offerta al mondo. Per questo era “diacono”, ovvero immagine compiuta del Servo di Yahwè; nella sua carne era nascosto un frammento della passione di Gesù, perché essa giungesse ai peccatori, reale, visibile, toccabile, afferrabile. Sotto la sassaiola che lo uccideva, Stefano protomartire diveniva il primo sacramento di Cristo, il “segno” offerto al mondo per salvarsi, come la notte di Natale, come la mattina di Pasqua. Stefano, il primo angelo della misericordia, dal quel martirio come un letto d’amore che lo univa a Cristo, risplendeva della luce celeste, perché un suo raggio filtrasse come un’alba di speranza nella notte della disperazione. Verità e Misericordia si abbracciavano in lui, che annunciava parole di fuoco in un volto d’angelo. Come la moltitudine immensa dei martiri che da duemila anni incarnano il Bambino sepolto in una mangiatoia.

Uno dopo l’altro, scorrono oggi i volti d’angelo dei testimoni di Cristo, come quello del beato Martín Martínez Pascual (il sacerdote martire ritratto nella foto sotto): i suoi occhi planavano direttamente dal Cielo per abbracciare gli assassini con le parole dette prima di morire fucilato, identiche a quelle di Gesù e di Stefano: “Io non voglio altro che darvi la mia benedizione affinché Dio non vi prenda in considerazione la pazzia che commettete”. Guardatelo bene anche voi quell’uomo, lasciatevi attirare nel suo sguardo di pace soprannaturale. Guardava i Cieli aperti che Cristo aveva aperto per lui; e da lì, non dal terrore per la morte, fissava gli uomini che lo stavano uccidendo. Di fronte al demonio che lo ghermiva attraverso le mani dei suoi aguzzini, si è lasciato deporre nella mangiatoia per farsi mangiare. Ha seguito le orme del suo Signore, il “Messia che, leone per vincere, si è fatto agnello per soffrire” (S. Vittorino di Pettau). Come siamo chiamati anche noi. Non c’è da “preoccuparci” se la storia ci “consegna” ogni giorno “nelle mani” del mondo. E’ per salvarlo, annunciando il Vangelo della Verità come ha fatto Stefano, e offrendo noi stessi per “dare testimonianza” a Cristo. Per farlo, dobbiamo “guardarci dagli uomini” ma non smettere di guardarli con gli occhi di Cristo perché essi, fissando i cristiani, vedano il loro volto “come quello di un angelo”, di un messaggero credibile del Cielo. Ciò significa “guardarsi” dai compromessi e i legami carnali, per essere liberi di amare nella Verità ogni uomo. E’ difficile, anzi impossibile. Ma come è accaduto in Maria, nella Chiesa, dove impariamo ad essere angeli che contemplano il Cielo per rifletterlo in terra, scende anche su di noi “lo Spirito del Padre nostro” che “parlerà” in noi: nel nostro sguardo, nelle nostre parole, nei gemiti di dolore sotto la pioggia dei peccati del mondo. E dirà: “Padre perdonali, non imputare loro questo peccato”, sono qui offrendomi con il tuo Figlio, perché coloro che mi stanno uccidendo contemplino per sempre il tuo volto. Come accade a me ora, perché è solo quando si muore a se stessi che si vede il Cielo aperto. Proprio come un neonato che metti a dormire dove vuoi, e lui tranquillo, chiude gli occhi per sprofondare in un sonno di paradiso..

La foto-agenzia EFE, riflette il volto di un sacerdote spagnolo, catturato dai miliziani repubblicani durante la guerra civile spagnola, alcuni momenti prima di essere fucilato il 18 di agosto del 1936. L’autore dell’istantanea è il fotografo tedesco Hans Gutmann. Il sacerdote dell’immagine è il beato Martín Martínez Pascual presbitero e martire, membro della Società di Sacerdoti Operai Diocesani.

QUI IL COMMENTO COMPLETO GLI APPROFONDIMENTI E UNA BELLISSIMA ICONOGRAFIA
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s