‘Padre, come si costruisce una comunità?’

Standard

Fondatori di religioni, Abramo, Mosè, Krishna, Buddha, Gesù, Mohammade la Fede Bahá’í

Non conoscevo la Fede Bahá’í, fino a domenica sera, quando durante una tavola rotonda alla quale ho partecipato insieme a Lidia Maggi, pastora protestante, e a Giorgio Stabilini, musulmano, Maria Augusta Favali, rappresentante della fede Bahà’ì, è intervenuta citando alcuni fondatori di religioni, come Abramo, Mosè, Krishna, Buddha, Gesù, Mohammad, nella convinzione che le loro religioni provengono dalla stessa fonte e sono, nella loro essenza, capitoli susseguenti di un’unica realtà che possiamo definire come la religione di Dio.
La tavola rotonda aveva come tema ‘la cura della casa comune’ ed era il momento conclusivo di una serie di incontri interreligiosi, organizzati dall’associazione ‘I care’.
Prendendo la parola per ultimo ho voluto ringraziare i compagni della tavola rotonda, richiamando alcune parole di chi mi aveva preceduto, soffermandomi sul valore che la terra è madre: c’è necessità che il mondo sia più femminile, più accogliente, soprattutto nel mondo religioso e di sognare che il più bel ponte che noi umani si debba costruire abbia i colori de l’arcobaleno.
Ho poi continuato raccontando una storia di Jean Vanier, che fa così:
“Un giovane si recò un giorno da un padre del deserto e lo interrogò: ‘Padre, come si costruisce una comunità?’
Il monaco gli rispose: E’ come costruire una casa, puoi utilizzare pietre di tutti i generi; quel che conta è il cemento, che tiene insieme le pietre. 
Il giovane riprese: ‘Ma qual è il cemento della comunità?’
L’eremita gli sorrise, si chinò a raccogliere una manciata di sabbia e soggiunse:
“Il cemento è fatto di sabbia e calce, che sono materiali così fragili! Basta un colpo di vento e volano via. Allo stesso modo, nella comunità, quello che ci unisce, il nostro cemento, è fatto di quello che c’è in noi di più fragile e più povero. Possiamo essere uniti perché dipendiamo gli uni dagli altri”.
Ho concluso dicendo che io ‘voglio’ essere fragile, perché ritengo che la fede sia dei deboli, di quelli che hanno bisogno di ‘altro’ per vivere, non bastando a se stessi. Ho la strana sensazione che l’acqua che sta venendo in questi giorni serva a unire saldamente sabbia e calce.
Advertisements

One thought on “‘Padre, come si costruisce una comunità?’

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s