Vado dove Dio mi porta…

Standard

preti

By leggoerifletto

Signore, ricordati dei preti – Padre Andrea Gasparino

Signore,

donaci dei preti nuovi plasmati su di te.

Preti adatti al mondo di oggi,

che resistono a tutti gli sbandamenti e a tutte le mode.

Preti pieni di Spirito Santo,

preti innamorati di te, dell’Eucaristia, della Parola.
Preti spezzati alla preghiera.

Preti che non guardano l’orologio quando stanno davanti a te,

preti capaci di pregare di giorno e di notte,

capaci come Gesù di passare anche le notti in preghiera.

Preti che insegnano a pregare.

Preti appassionati dei giovani, dei poveri, degli ultimi.
Preti rotti a tutte le carità,

che sanno accogliere il drogato, il carcerato, la ragazza che abortisce, l’omosessuale, la coppia sfasciata,

capaci di tenerezza e di misericordia per tutte le disperazioni del mondo di oggi.
Signore,

mandaci dei preti da battaglia,

umili,

senza storie per la testa,

umili e fedeli alla chiesa,

che insegnano ad amare la chiesa,

correggendo su se stessi i mali della chiesa,

che si puntano il dito addosso prima di puntarlo sulla chiesa.

Mandaci preti senza storie borghesi,

allenati al sacrificio,

che sanno parlare ai giovani di sacrificio,

che vivono la povertà evangelica,

che sanno dividere tutto quello che hanno con il povero.
Mandaci preti aggiornati con una teologia dagli scarponi ferrati che sa resistere alle mode di pensiero e ai compromessi mondani.

Preti che non si aggiogano al carro di chi la sa più lunga dei Vescovi e del Papa.

Mandaci preti di punta,

preti creativi,

dal cuore grande come il cuore di Cristo,

instancabili nell’insegnare,

nel guidare, nel formare.

Preti costanti, resistenti, tenaci.
Mandaci preti profeti,

forti e umili che non si scandalizzano di nessuna miseria umana.

Mandaci preti che si sentano peccatori come noi,

fedeli e fieri del loro celibato,

preti limpidi che portino il Vangelo stampato nella loro vita più che nella loro parola.

Signore,

donaci il coraggio di chiedere preti santi e di meritarli un poco almeno con la preghiera umile, costante e coraggiosa.
Maria,

madre dei preti,

madre della chiesa,

aggiungi tu quello che manca a questa preghiera e presentala a Cristo per noi.
Amen.

(Padre Andrea Gasparino)
un pò di biografia:

 http://leggoerifletto.blogspot.com/2011/03/padre-andrea-gasparino-biografia.html


“Quando il nemico sembra prevalere in battaglia, quando le sue forze sembrano soverchianti, quando la strategia di combattimento sembra far indietreggiare le truppe …. allora la battaglia sia portata avanti in maniera diversa, si moltiplichino  le “cellule”  del bene, i guerrieri restino uniti, la guerriglia si faccia intensa e fastidiosa; si ritrovi lo spirito di corpo, si serrino i ranghi della fraternità, si sopporti l’andare controcorrente, non si perda occasione per, agili e leggeri, colpire al cuore il nemico potente … 

“A noi la battaglia,  a Dio la vittoria.” 

– San Giovanna d’Arco – 

Buona giornata a tutti. 🙂

www.leggoerifletto.it

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s