Biografia del silenzio

Squadernauti



Biografia del silenzio è un breve e prezioso testo di Pablo d’Ors, pubblicato in Italia da Vita e Pensiero nella traduzione di Danilo Manera.

Pablo d’Ors, scrittore e sacerdote cattolico, in un percorso di quarantanove tappe (che corrispondono ad altrettanti capitoli del libro) descrive la pratica della meditazione silenziosa.

Lo fa adoperando uno stile semplice, mai compiaciuto, esemplare per chiarezza e logicità, evidentemente scaturito da una profonda consapevolezza di sé e della propria traiettoria spirituale.sovracoperta d'ors_kleeDEF_no bold_Layout 1

Per meditare, dice l’autore già nella prima pagina, occorre abbandonare la più inveterata delle abitudini: fare. Il disagio che si avverte in questo radicale ribaltamento di prospettiva è, anzitutto, fisico: “Nei primi mesi meditavo male, malissimo; tenere la schiena eretta e le ginocchia piegate non mi riusciva per nulla facile e, per giunta, respiravo con una certa agitazione”, p. 9.

Indagare il nucleo più autentico di sé, poi, è un viaggio in un…

View original post 561 more words

 Gesù ama stare tra la gente e servirla come ritirarsi nel deserto per nutrire la propria interiorità. E ci indica uno stile di vita equilibrato, oltre i nostri sbilanciamenti. 

L’equilibrio tra relazioni e solitudine

 VIDEOCONFERENZE sul VANGELO DOMENICALE
 videoconferenze, diretta streaming, vangelo, domenicale, Luca Buccheri, Parrocchia dell'Invisibile
MARTEDÌ 30 GENNAIO VIDEOCONFERENZA alle ORE 21 in STREAMING sul tema “L’equilibrio tra relazioni e solitudine” 
(Mc 1,29-39).

 Gesù ama stare tra la gente e servirla come ritirarsi nel deserto per nutrire la propria interiorità. E ci indica uno stile di vita equilibrato, oltre i nostri sbilanciamenti. 

A cura della Parrocchia dell’Invisibile.

La solitudine di chi protegge il mondo 

Il brano e video musicale consigliato è il brevissimo “La solitudine di chi protegge il mondo” del gruppo “Le Orme”. A cura di Sauro Secci.  

Con la luce dell’aurora Cristiano Sementa

Squadernauti

sovracoperta d'ors_kleeDEF_no bold_Layout 1
>>> biografia-del-silenzio


www.terradelsanto.it/it/videoconferenze-sul-vangelo-domenicale

Leggerezza

Leggerezza

#LEGGEREZZA

Tv 2000 continua a camminare lungo la nostra via della Resurrezione. L’appuntamento mensile con il percorso proposta dalla Fraternità è giunto a scandire la quarta tappa, quella dedicata alla parola “Leggerezza”. Dopo “Umiltà”, “Fiducia”, “Libertà”, Gabriella Facondo, conduttrice della trasmissione pomeridiana “Siamo noi” ha intervistato il nostro don Luigi Verdi sui contenuti di questa parola e sul suo valore nel personale cammino di rinascita. Nel corso della trasmissione è stata presentata anche la pubblicazione delle Edizioni Romena sul tema leggerezza: una conversazione con Arturo Paoli, il grande

missionario, scomparso a 102 anni di età.

Fraternità di Romena

«Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete al vangelo».

Il #Vangelo di questa settimana

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco 1,14-20.

Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù si recò nella Galilea predicando il vangelo di Dio e diceva:

«Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete al vangelo».

Passando lungo il mare della Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori.

Gesù disse loro: «Seguitemi, vi farò diventare pescatori di uomini».

E subito, lasciate le reti, lo seguirono.

Andando un poco oltre, vide sulla barca anche Giacomo di Zebedèo e Giovanni suo fratello mentre riassettavano le reti.

Li chiamò. Ed essi, lasciato il loro padre Zebedèo sulla barca con i garzoni, lo seguirono.

🙏🏻🔆🙏🏻🔆🙏🏻🔆🙏🏻

Il vento sembra placarsi ma intanto ha pulito per bene il cielo e spazzato la terra. Così stamane l’alba è silenziosa e dolce, sempre nuova e diversa.

Che bella la nostra umanità nel suo arcobaleno di colori, che meraviglia la diversità che rende tutti così unici.

Non smettiamo di guardare negli occhi chi incontriamo e scorgiamo il dono di ognuno, proprio perché è diverso da noi.

La messa di ieri sera è stata bella come la luna che ci ha accolti, sorridente come quello spicchio di luce che incanta gli occhi e il vento che soffiava era l’anima dello spirito che annunciava: “Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino”. Il mondo come lo sogna Dio è qui, ora, e il suo sogno più bello è l’unità di tutti i fratelli e le sorelle del mondo.

Abbiamo sognato insieme che sia davvero il tempo opportuno per credere che è solo uniti che si può vivere.

E il pastore Angelo ci ha invitati a diventare tutti pescatori di uomini, a tirar fuori noi stessi e gli altri dall’oscurità della vita per vivere nel sole, mostrando che il vangelo possiede la chiave per una vita migliore.

Che queste parole di Abbè Pierre ci indichino la strada:

“Bisogna amare le porte perché sono il posto dove nessuno si ferma. Il posto da dove si passa, da dove si parte, dove avvengono tutti gli incontri. Bisogna odiare le porte chiuse, chiuse agli incontri e chiuse a chi parte.”

Fra Giorgio

In poche righe, un incalzare di avvenimenti: Giovanni arrestato, Gesù che ne prende il testimone, la Parola che non si lascia imprigionare, ancora Gesù che cammina e strade, lago, barche; le prime parole e i primi discepoli. Siamo al momento fresco, sorgivo del vangelo. Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio. La prima caratteristica Marco riferisce è quella di un uomo raggiunto da una forza che lo obbliga a partire, a lasciare casa, famiglia, clan, paese, tutto. Il primo atto registrato dal vangelo è l’itineranza di Gesù, la sua viandanza. E per casa la strada. Proprio su questo andare e ancora andare, si innesta la seconda caratteristica: camminava e “proclamava il vangelo di Dio”: Dio come una bella notizia. Non era ovvio per niente. Non tutta la bibbia è vangelo, non tutta è bella e gioiosa notizia, alle volte è minaccia e giudizio, spesso è precetto e ingiunzione, ma ora la caratteristica nuova del rabbi itinerante è proprio il vangelo: una parola che conforta la vita, Dio che libera e fa fiorire. Gesù passa e dietro di lui resta una scia di pollini di primavera, un’eco in cui vibra il sapore bello e buono della gioia: è possibile la felicità, un’altra storia, un mondo altro sono possibili. E quell’uomo sembra conoscerne il segreto.

La bella notizia che inizia a correre per la Galilea è raccontata così: il regno di Dio (il mondo come Dio lo sogna) è vicino. Perché Dio si è avvicinato, ci ha raggiunto, è qui. Ma quale Dio? Gesù ne mostra il volto, da subito, con il suo primo agire: libera, guarisce, purifica, perdona, toglie barriere, ridona pienezza di relazione a tutti, anche a quelli marchiati dall’esclusione. Un Dio esperto in nascite, in vita. Per accoglierlo, suggerisce Gesù, convertitevi e credete nel vangelo. La conversione non come un’esigenza morale, ma un accorgersi che si è sbagliato strada, che la felicità è altrove. ‘Convertitevi’ allora, ‘giratevi verso la luce’, come un girasole che si rimette ad ogni alba sui sentieri del sole, ‘perché la luce è già qui’. Credete nel vangelo, non semplicemente al vangelo. Buttatevici dentro, con una fiducia che non darete più a nient’altro e a nessun altro. Camminando lungo il mare di Galilea, Gesù vide… Cammina senza fretta e senza ansia; cammina sulla riva, in quel luogo intermedio tra terra e acqua, che sa di partenze e di approdi, e chiama quattro pescatori ad andare con lui. Vi faro diventare pescatori di uomini, vi farò pescatori di umanità, cercatori di tutto ciò che di più umano, bello, grande, luminoso ogni figlio di Dio porta nel cuore. Lo tirerete fuori dall’oscurità, come tesoro dissepolto dal campo, come neonato dalle acque materne.

Commento al #Vangelo di domenica 21 gennaio 2018 Ermes M. Ronchi

Da forze buone, miracolosamente accolti qualunque cosa accada, …Dio è con noi …: Lettera ai cercatori di Dio LE DOMANDE CHE CI UNISCONO II – LA SPERANZA CHE È IN NOI III – COME INCONTRARE IL DIO DI GESÙ CRISTO 1. FELICITÀ E SOFFERENZA

Lettera ai cercatori di Dio

audio>>>Presentazione

I – LE DOMANDE CHE CI UNISCONO

II – LA SPERANZA CHE È IN NOI

III – COME INCONTRARE IL DIO DI GESÙ CRISTO

1. FELICITÀ E SOFFERENZA

6. GESÙ

11. LA PREGHIERA

2. AMORE E FALLIMENTI

7. IL CRISTO

12. L’ASCOLTO DELLA PAROLA DI DIO

3. LAVORO E FESTA

8. DIO PADRE, FIGLIO E SPIRITO

13. I SACRAMENTI, LUOGO DELL’INCONTRO CON CRISTO

4. GIUSTIZIA E PACE

9. LA CHIESA DI DIO

14. IL SERVIZIO

5. LA SFIDA DI DIO

10. LA VITA SECONDO LO SPIRITO

15. LA VITA ETERNA

Questa

http://leggiamolabibbia.blogspot.it/2018/01/lettera-ai-cercatori-di-dio.html?m=1